Lalla Romano e Grazia Cherchi: un’amicizia per la scrittura

Libri con dedica, documenti originali e fotografie di Vincenzo Cottinelli
(vedi catalogo e descrizione della mostra)

presso
Biblioteca Mediateca “Grazia Cherchi”
Via Bacciocchi 1 e Viale Risorgimento 1, Piacenza

Orari di apertura
lunedì-sabato 8:30-17:30

Inaugurazione
mercoledì 23 Aprile, ore 12

A cura di
Antonio Ria e Alessandro De Poli

Lalla Romano e Grazia Cherchi in due scatti di Vincenzo Cottinelli.

Libri con dedica, documenti originali e fotografie di Vincenzo Cottinelli: a cura di Antonio Ria e Alessandro De Poli.

Grazia e Lalla
appunti da un intervento di Goffredo Fofi al Liceo Gioia

Lalla Romano e Grazia Cherchi, nonostante la solidarietà, erano profondamente diverse non solo dal punto di vista anagrafico, ma anche per i gusti letterari. Le doti principali delle due scrittrici erano la curiosità e la generosità. La Cherchi voleva essere accolta dalle persone con cui entrava in contatto, anche dagli uomini; la scrittrice piemontese, invece, apparteneva a tutto un altro mondo, all’alta borghesia e non si lasciava affascinare dal potere. Le donne dagli anni ’60 agli ’80 non avevano l’ossessione di diventare leader politici e non erano legate ai fatti cruenti di quegli anni come il terrorismo. Il rapporto di reciproca ammirazione fra Lalla Romano e Grazia Cherchi ruotava intorno all’amore per la scrittura.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: